Salta al contenuto

SSID Confusion attack (CVE-2023-52424)

Héloïse Gollier e Mathy Vanhoef hanno pubblicato un nuovo attacco alle reti Wi-Fi protette chiamato evocativamente “SSID Confusion”.

Riassunto: attacco di nicchia con impatto limitato per ora, ma molto interessante per capire come funziona la sicurezza Wi-Fi.

Dettagli: L’attacco si basa sulla mancata protezione del SSID con 802.11w (Protected Management rames), protezione che viene introdotta parzialmente in 802.11be (Wi-Fi 7). Quando un’ente usa lo stesso metodo di autenticazione e le stesse  credenziali (es. 802.1X PEAP, o EAP-TLS) su due o più reti diverse (es. TrustedNet e WrongNet), è possibile indurre un client che intende connettersi a TrustedNet, a connettersi a WrongNet senza errori, visualizzando il SSID TrustedNet sul dispositivo.

Lo scenario è la segmentazione delle reti per banda o per livello di sicurezza, ad esempio un SSID rete24 su 2.4 GHz e uno rete5 su 5 GHz, con la stessa autenticazione WPA2 Enterprise dietro.

Oppure, un SSID rete-legacy con PMF disabilitato e un SSID rete-moderna con PMF mandatorio.

Tramite un rogue AP Multi-Channel Man-in-the-Middle (MC-MitM) si può indurre un client a connettersi a una rete differente dalla desiderata, che potrebbe avere un livello d scurezza più basso.

Gli autori citano esplicitamente il mondo eduroam nelle università come un contesto realistico.

La spiegazione tecnica è che dove lo SSID non contribuisce alla creazione della PMK (Pairwise Sesson key da cui derivano le chiavi temporanee di sessione, PTK), le PTK possono essere riusate indifferentemente anche su un diferente SSID che usi la stessa autenticazione. Laddove invece lo SSID viene usato per la creazione della PMK, l’attacco non è possibile.

WPA2 Enterprise e un flavor di WPA3 Personal (SAE-loop) sono vulnerabili, WPA2 Personal e l’altro flavor di WPA3 Personal (SAE-const) sono immuni.

La difesa semplice consiste nel non usare la stessa autenticazione su due reti diverse, per esempio usando passphrase diverse su due reti WPA3 Personal (fin qui è logico), o due metodi EAP differenti, es PEAP e EAP-TTTLS (non è sempre immediato e praticabile).

La difesa complessa è l’inclusione dell’autenticazione forte del SSID in 802.11, e la certificazione obbligatoria da parte della Wi-Fi Alliance. 

Valutazione: Dobbiamo considerare l’impatto di questo attacco rispetto agli scenari in cui è possibile: usare la stessa passphrase in due reti WPA3 Personal è certamente cattiva pratica, ma nel caso di 802.1X l’impatto dell’attacco va confrontato con i benefici della segmentazione delle reti (per livelli di sicurezza e capacità dei client). 

H. Gollier and M. Vanhoef. SSID Confusion: Making Wi-Fi Clients Connect to the Wrong Network. In the Proceedings of the 17th ACM Conference on Security and Privacy in Wireless and Mobile Networks (WiSec), 2024

Ringrazio Nicola Susan che per primo me lo ha segnalato.

Jan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *